• Home
  • I prodotti
  • I banchi
  • Blog
  • Premio Porcellino
  • La fiaba di Andersen
  • Concorso fotografico

Al Mercato del Porcellino Oscar Cioppi è arrivato nell’89 da Campi Bisenzio, dove i suoi avevano una piccola azienda di paglia e tessuto, per gestire un banco assieme al cugino, che nel tempo ha cominciato a trattare articoli in pelle. E da allora ha passato periodi migliori e peggiori per il commercio, anche se qui la gente si ferma comunque. 

“Certo la situazione si è fatta più difficile rispetto ad alcuni anni fa. Va anche detto che la pelle non è sufficientemente valorizzata rispetto alla qualità: il nostro prodotto è buono e arriva tutto da produttori della zona, stiamo molto attenti nella scelta”.

E la clientela?

“Noi lavoriamo soprattutto con i turisti: ne passano tanti, ma servono quelli che hanno un discreto potenziale di spesa, che arrivano anche per portarsi a casa qualche articolo di pregio”.

Invece i fiorentini?

“Ne servirebbero di più, anche se va detto che comunque è chiaro che i numeri si fanno con gli stranieri. A volte girano tra i banchi e solo quando sono qui si accorgono che ci sono articoli di livello, a prezzi a volte forse anche troppo contenuti”.

Ma il Porcellino continua ad attrarre?

“Sicuramente, è un posto particolare e cerchiamo di rispettarlo e tenerlo pulito, perché sia sempre accogliente. Per noi è più di un luogo di lavoro”.